Thrivers TNBC: la storia di Vaishalee

TNBC Thrivers: Vaishalee's Story

    Detto a Margot Adams da Vaishalee Howey.

    Mi è stato diagnosticato [un cancro al seno triplo negativo] a 32 anni e, prima ancora, ero una di quelle persone per cui, se qualcosa mi dava fastidio, me la cavavo. Una volta che mi è successo questo, ho capito quanto ruolo attivo devi assumere nel tuo benessere. Se qualcosa non ti sembra giusto, vai dal medico. Se ne esce qualcosa, hai colto qualcosa in tempo. Una grande lezione per tutti noi è che dobbiamo assumere un ruolo più attivo nella nostra salute.

    Prima della diagnosi, lavoravo all'AMEX [a New York City]. Lo facevo da 10 anni quando avevo i miei figli e volevo davvero prendermi una pausa. Ho sempre avuto uno stress elevato, lavori impegnativi e un sacco di stress nella mia vita. Mio figlio in realtà è nato presto a causa dello stress. Nell'agosto del 2018 ho deciso di prendermi una pausa per trascorrere del tempo con i bambini. I miei figli avevano uno e tre anni quando ho lasciato l'AMEX nel 2018. 

    Quando guardo indietro, c'erano sicuramente segni che qualcosa stava succedendo nel mio corpo e semplicemente non me ne rendevo conto. Mi stavo davvero ammalando molto, molto più frequentemente di quanto avrei fatto in precedenza. Mi prendevo il raffreddore con la febbre, cosa non tipica da adulta, ma lo attribuivo semplicemente al fatto che stavo di più con i bambini.

    Poi, nel gennaio 2019, ho sentito un nodulo, ed era un po’ doloroso, al seno destro. L'avevo attribuito al ciclo mestruale poiché normalmente il tuo seno diventa dolorante prima del ciclo. Era passato poco più di un anno dal parto, quindi nel mio corpo erano avvenuti molti cambiamenti. Ho pensato che forse mi ero stirato un muscolo o qualcosa del genere. Verso la fine di gennaio avevo la sensazione che il nodulo si stesse ingrossando.

    Sono andata dal mio medico di base e lei ha detto che probabilmente si trattava di qualcosa di benigno, ma dovevo andare a fare una mammografia e un'ecografia. Uno dei motivi per cui non consigliano la mammografia alle donne più giovani è perché abbiamo un seno più denso. Quando il seno è denso lo screening è meno accurato, quindi quando hai meno di 40 anni devi fare una mammografia con ecografia.  Da lì sono andata da un chirurgo del seno che mi ha ordinato la biopsia, perché avevo qualcosa sui linfonodi sotto l'ascella.

    Il chirurgo del seno mi ha chiamato il 22 febbraio 2019 e mi ha detto: "I risultati della biopsia... hai un cancro al seno... e si è diffuso ai tuoi linfonodi". E a quel punto il tuo mondo crolla.

    Ricordo cosa indossavo, che ero fuori con i miei figli, con il mio vicino, la temperatura, tutte queste cose. Il mio primo pensiero è stato “Oh mio Dio, i miei figli. Cosa succederà ai miei figli?" Perché quando senti che hai il cancro, il primo pensiero è “Morirò”.

    Vado al prossimo appuntamento e il medico dice che si tratta di un cancro al seno triplo negativo, il che rende più difficile il trattamento. Ha detto che sta crescendo rapidamente e che dovevo fare la chemio il prima possibile. A questo punto, stai semplicemente procedendo passo dopo passo, perché, ora, sei passato dall'avere il controllo della tua vita all'avere zero controllo. 

    A questo punto sto ancora entrando nel nostro sistema ospedaliero locale. Sono andato dall'oncologo e sono letteralmente la persona più giovane [lì]. Sono tutti vecchi. È deprimente. Non mi piacevano i modi del dottore al capezzale, così andai da Sloan per un secondo parere. La mia esperienza allo Sloan è stata fantastica. 

    Il chirurgo del seno mi ha mandato a fare i test genetici. Quando ai giovani viene diagnosticato un cancro dobbiamo chiederci perché, e per le donne che non hanno predisposizione genetica o storia familiare, perché io? Soprattutto quando sei giovane, apparentemente sano e fai tutte le cose giuste. I risultati sono arrivati ​​e non avevo nulla [che avrebbe portato alla diagnosi di cancro].

    Ho fatto la chemio allo [Sloan]. Ho fatto quattro cicli di quello che ci piace chiamare “il diavolo rosso”, che è la chemio davvero intensa, e 12 settimane di taxolo. Ho iniziato a marzo del 2019 e ho terminato ad agosto del 2019. La chemio è proprio quello che immagini che sia. È stato intenso, ha fatto schifo. Ho perso i capelli. Ho perso le sopracciglia. Ho perso le ciglia.

    Ricordo che la mia seconda chemio mi colpì a terra. Ero proprio come a letto, non riuscivo ad alzarmi dal letto e mi sentivo di merda da solo. Mi sentivo così male per me stesso. La parte difficile era che, poiché avevamo l'assistenza all'infanzia [a casa], i miei figli erano a casa. Ricordo che mio figlio, che aveva poco meno di due anni, era al cancello inferiore a piangere per me. Ricordo di aver pensato tra me: "Vorrei essere semplicemente morto". Sarebbe molto più facile per lui se me ne fossi andato. Sa che sono qui e mi sono sentito così schifoso che avrei voluto morire in quel momento.

    La mia amica mi ha contattato, non sapeva che stavo lottando in quel momento e mi ha consigliato di guardare il documentario intitolato "Heal" su Netflix. Ho guardato il documentario ed era un documentario davvero informativo che parlava della connessione mente-corpo e di quanto sia potente. Come le persone sono guarite da lesioni traumatiche mediante la meditazione, concentrandosi e facendo tutte queste cose. Ho pensato, va bene, cambierò la narrazione. Inizierò a ripetere a me stesso questi mantra.

    Io sono forte."
    Sopravviverò."
    Il mio corpo può gestirlo."
    Vedrò [mia figlia] Sophia andare all'asilo."
    Ballerò ai loro matrimoni.

    E, non sto scherzando, dopo il terzo e il quarto ciclo di chemio sono andati molto meglio.

    Ho deciso di concentrarmi sulle cose che erano sotto il mio controllo e non su quelle fuori dal mio controllo. Ad esempio, se il cancro abbia risposto o meno alla chemio, non è sotto il mio controllo. Il mio atteggiamento e la mia prospettiva sono sotto il mio controllo. Quindi ho avuto questa illuminazione e l'ho portata con me. Quando ti capita una cosa così importante, come il cancro, è un'esperienza che ti apre gli occhi, in termini di come vivevo la mia vita prima e di come vivo la mia vita adesso.

    Ho finito la chemio ad agosto e 6 settimane dopo ho avuto la mia doppia mastectomia in città, a Sloan. Ho fatto una doppia mastectomia in piano. Ho solo detto: "Non voglio altri interventi chirurgici". Sapevo di aver bisogno di radiazioni perché si erano diffuse ai miei linfonodi. Anche se hai una risposta completa alla chemio, devi fare le radiazioni. Ho fatto 26 sedute di radiazioni e ho terminato il 16 dicembre, subito prima delle vacanze. Ho avuto una risposta completa alla chemio, quindi non ho dovuto fare altro dopo la radioterapia.

    Il carico fisico e mentale è stato duro, ma ne sono usciti molti aspetti positivi. Mi ha dato una comunità e ho incontrato così tante persone straordinarie. Mi sono sbarazzato delle cose che non mi servono o che non mi portano felicità. Le cose materiali, i soldi, quelle cose non contano necessariamente. È tempo di qualità. Cose che la gente dice sempre, ma, quando ti capita qualcosa del genere, è allora che dici "Merda, questa è la vita reale". La vita è dannatamente breve. Nessuno di noi sa quando finirà. Quindi, mi ha dato quel tipo di chiarezza che non credo avrei avuto altrimenti.

    Il potere interiore che dobbiamo essere in grado non solo di sopravvivere, ma anche di prosperare, penso che ci sia una distinzione e perché così tante persone dicono sopravvissuto contro prospero. Una cosa è sopravvivere a qualcosa, un'altra cosa è prosperare dopo di esso. Sopravvivere, per me, significa che riesci a malapena a pattinare e resistere. Prosperare, nonostante quello che ti è successo, [significa] che stai davvero vivendo di nuovo. [Sei] la versione migliore di te stesso, che prospera nel tuo ambiente e nel tuo corpo.

    Un'altra cosa che è stata davvero difficile per me in seguito è stata la relazione con il mio corpo. Ho iniziato a vestire il mio corpo “piatto”. Il modo in cui vesto il mio petto piatto adesso rispetto a come lo facevo quando sono diventato piatto è molto diverso. Ho sempre pensato che dovevo indossare un top con pieghe o qualcosa di meno aderente. Voglio fare acquisti nei negozi che amo, ed è quello che faccio. So solo cosa cercare. Ora indosso [pantaloni] più a vita alta e cose che in un certo senso minimizzano il loro aspetto.

    Ho fondato The Flattie Fashionista perché all'inizio ho faticato tantissimo. Ho pensato: "Come faccio a sembrare e sentirmi ancora giovane quando non ho le tette?" È stato davvero creato per un posto per altre donne come me che si sentivano come se stessero lottando per vestire i loro nuovi corpi.

    Ho iniziato a interagire con la Fondazione TNBC tramite Kelly [Thomas]. Ero così disperato nel trovare persone come me mentre stavo attraversando un cancro e stavo seguendo un trattamento, ma in particolare TNBC e giovani. Mi sono imbattuto in TNBC Thrivers e ho iniziato a partecipare alle chat virtuali. Ero appena uscito dal trattamento e ricordo di aver partecipato alle prime chat e di aver pensato: “Oh mio Dio, sono le persone che capiscono. Sono le persone che lo capiscono. Sono le persone che riescono davvero ad entrare e uscire. Come quanto sia doloroso mettere le mani sul ghiaccio durante la chemio, il pisolino assonnato di Benadryl o le reazioni allergiche.

    Mi ha aperto gli occhi sul fatto che ci sono così tante persone [in questa] comunità di prosperi. Inoltre, potrei restituire qualcosa. Potrei aiutare le persone che stanno attraversando [il trattamento] che non vedono la fine in vista come io non ho visto la fine in vista. Posso essere l'ispirazione.

    Guarda, sto prosperando. Sto vivendo. Questo sarai tu. Se ci sei dentro, fa schifo. Nessuno potrà cambiare la situazione, ma c’è speranza”.