Prosperanti della TNBC: Tiffany Reed

TNBC Thrivers: Tiffany Reed

    Come raccontato a Margot Adams da Tiffany Reed.

    Mi è stato diagnosticato il triplo negativo nell'ottobre del 2020, quindi era all'inizio della pandemia, ed ero a metà della scuola di specializzazione quando l'ho scoperto. In realtà quando mi hanno chiamato mi hanno detto che avevo un carcinoma duttale invasivo. Ho sentito la parte Triple Negative solo più tardi.

    Il mio background è sempre stato quello di sostenitore del seno. Sono sempre stata una persona che ha incoraggiato altre donne a sottoporsi alla mammografia annuale. Avevo fatto mammografie circa 9 anni prima della mia diagnosi, quindi ho iniziato quando avevo circa 39 anni e l'ho fatto perché mia nonna paterna aveva un cancro al seno e volevo avere una base e alcune conoscenze, ma [a causa del mio] background nel settore sanitario, questo è sempre stato il mio obiettivo comunque.

    [Stavo frequentando la scuola di specializzazione] per amministrazione sanitaria e solo più tardi [mentre stavo] leggendo i miei documenti mi sono reso conto che avevo un cancro al seno triplo negativo. Avevo detto al chirurgo che è importante che i pazienti comprendano l'intera diagnosi. Hai il tuo tipo e il tuo sottotipo e il sottotipo è il cancro al seno triplo negativo.

    Ovviamente, quando l'ho visto, ho pensato: "Oh mio Dio, ho un cancro al seno triplo negativo, la mia ragazza è morta di cancro al seno triplo negativo". Mi ha incasinato un po'. In realtà ho deciso di cambiare il mio articolo per la scuola di specializzazione [per concentrarmi sul] cancro al seno nelle donne di colore, concentrandomi sugli studi clinici e sul cancro al seno triplo negativo.

    Non so come l'abbiano trovato, non è altro che un miracolo. Era davvero, davvero piccolo [e] ho un seno denso, quindi è difficile trovare tumori in un seno denso. Questa radiologa aveva una tecnica che usa sulle donne che hanno il seno denso. Un altro radiologo che ho visto l'ha chiamata e le ha detto: "Come l'hai trovato?"

    È stato uno shock perché immagino di aver ricevuto [monogrammi] per così tanto tempo e non mi sono mai sentito nervoso. Per me era parte del fatto di avere 40 anni. Questo fa parte di quello che fai, vai a fare le mammografie. [Quindi] quando l'ho scoperto ho pensato: "Oh cavolo". Era come "Non posso credere che sto attraversando tutto questo". Fortunatamente ho avuto molto sostegno familiare. I miei insegnanti mi hanno supportato. Non ho nemmeno interrotto la scuola di specializzazione perché ero molto determinato a finirla.

    [Ma, quando] ho ricevuto la diagnosi di cancro, si è scatenato l’inferno. Mio marito si è ammalato e ha avuto un ictus. Poi siamo dovuti stare fuori casa per tre mesi perché c'era una perdita in cucina. Poi, proprio mentre torniamo a casa, scopriamo che a mia nipote è stato diagnosticato un cancro al colon al terzo stadio. Dico: "È reale, mi stai prendendo in giro?" Poi ho scoperto che dovevo sottopormi a un'isterectomia e poi mio marito ha dovuto subire un altro intervento chirurgico. Sono tornata al lavoro il mese scorso e mi sento come se fossimo arrivati ​​all'altro lato della medaglia.

    La cosa buona è che non ho dovuto fare la chemio. Ho fatto le radiazioni. Ho fatto 20 cicli di radiazioni e quando ho scoperto la mia diagnosi era circa 3 giorni prima del mio 48esimo compleanno. Il mese prossimo compirò 51 anni e il mese prossimo sarò anche sopravvissuto al cancro da 3 anni. Ho lavorato dappertutto. Ho lavorato part-time durante le radiazioni, ma vorrei potermi dedicare un po' più di tempo. Quindi, quando ho subito l'isterectomia, ho impiegato letteralmente tutti e 3 i mesi anche se non ne avevo bisogno. L'ho fatto per la mia sanità mentale. Mi sono presa tutto il tempo per me. Direi che sono all'80% [in questo momento], il che non penso sia orribile. Ci sto arrivando.

    Alla fine mi sono diplomato alla scuola di specializzazione alla fine del 2021. Ho ricevuto un 4.0. Non avrei mai immaginato di ottenere un 4.0. Penso che [la scuola di specializzazione] potrebbe avermi distratto dal pensare al cancro ogni giorno perché era un programma accelerato. Non hai avuto tempo perché sei troppo impegnato con le carte. Penso che sia stato davvero d'aiuto.

    È stato un viaggio ed è ancora un viaggio. Il viaggio non è mai veramente finito. Fai cose per cercare di rimanere in salute, mantenerti mentalmente bene, e io lo faccio [continuando] a fare i miei gruppi e continuando a essere coinvolto. Penso che mi mantenga motivato. Anche quando hai quei momenti in cui sei giù, permetto che siano momenti [e] cerco di non permettere che continuino a durare all'infinito. Quando ho compiuto 40 anni pensavo: "Non farò feste di pietà per molto tempo perché ti trascinano in qualcos'altro in cui non vuoi essere".

    Ho avuto delle organizzazioni davvero fantastiche che mi hanno davvero aiutato a farcela. Ho scoperto la Triple Negative [Breast Cancer Foundation] un po' più tardi [quando] stavo ancora ricevendo radiazioni. È stata un'organizzazione davvero meravigliosa. In realtà ho due organizzazioni che mi sono molto vicine e care al cuore. Entrambi i CEO delle organizzazioni si conoscono e ho scoperto Triple Negative tramite Unite For Her. Penso che sia fantastico che queste organizzazioni collaborino tra loro perché imparo così tanto da un'organizzazione su un'altra organizzazione.

    Quando [la Fondazione TNBC] mi ha invitato al gala, ho avuto modo di vedere tutti. È stato bello poter rivedere alcune delle persone che vedo e con cui parlo continuamente di persona. È stata una bella sensazione. Ho varcato la porta e tutti dicevano: "Tiffany!" Hanno detto che è come se fossi una superstar. L'altro giorno ho ricevuto una chiamata da Kelly [che mi chiedeva di salire su uno zoom dove mi avrebbero fatto sapere che] mi hanno nominato per il Courage Award. È un premio che assegnano ogni anno e non è una cosa da prendere alla leggera. Non scelgono semplicemente qualcuno per quel premio. Hanno detto: "È unanime".

    Sono ancora coinvolto in un sacco di cose nonostante quello che sto passando. Restituisco ancora. Faccio ancora una donazione. Faccio ancora volontariato. Faccio volontariato da quando ero adolescente. È solo che è sempre stato nel mio sangue farlo. Per me personalmente è semplicemente una bella sensazione. È motivante, è incoraggiante. Continua a darmi speranza anche quando ho quei momenti in cui dico "È il terzo anno, voglio solo arrivare al quinto anno [senza cancro]".

    Ho partecipato ai gruppi di supporto [uno il martedì, il lunedì metastatico e il giovedì Thriver] negli ultimi due anni e mezzo. Penso di aver perso solo due gruppi. [All'inizio] Non pensavo di averne bisogno. Il mio background riguardava la salute mentale e ti senti come "Ho gli strumenti di cui ho bisogno". Mi ero detto "Oh, non credo di aver bisogno del gruppo di supporto" e, letteralmente due secondi dopo, ho pensato: "Potresti averne bisogno e non sapere di averne bisogno".

    Il problema dei gruppi di supporto è che sono uno spazio sicuro, non sono registrati. Puoi ridere, puoi piangere, puoi imprecare, puoi essere arrabbiato, puoi essere arrabbiato. [Quando mi sono iscritto] ai gruppi di sostegno, nessuno di noi si conosceva e ora siamo diventati questa famiglia. Faccio [i gruppi] ogni mese e lo adoro. È il mio tempo lontano. Kelly, [conduttore delle chat di TNBC Thriver], si presenta sempre e vuole sempre che tutti condividano prima una vittoria. Anche se non pensi di avere una vittoria... "Mi sono svegliato stamattina", quella è una vittoria.